domenica 31 maggio 2015

Al voto

Prendendo spunto dalle votazioni di oggi (31 maggio) viene quasi spontaneo chiedere perché si usa ancora la matita per votare.... Nel 2015 con internet imperante e tutta la tecnologia che esiste si potrebbe votare, in Italia perché in altre nazioni già avviene, arrivando al seggio con una card (l'attuale tessera sanitaria con chip e codice fiscale sarebbe sufficiente) ed avere un mouse al posto della matita.
Ci saranno le obiezioni che potrebbe essere facile cambiare i voti elettronici non avendo riscontro cartaceo ma con la tecnica di protezione e crittografia attuale il rischio sarebbe molto minimo. E sapere per ogni elettore, quale voto ha espresso ma non ci sarebbero voti contestati, nulli e simili evitando perdite di tempo in questo aspetto ed i risultati sarebbero pronto pochi minuti dopo la chiusura dell'orario di voto. E si eviterebbe la presenza dei rappresentati delle liste che girano con insegne cercando di farsi vedere per convincere qualche persona indecisa a votare per la propria.
E dal punto di vista economico il risparmio sarebbe grande: niente carta per le schede, niente spesa per le matite..., meno costo per le persone ai seggi; risparmio di risorse e migliore efficienza alla fine di tutto....

Nessun commento:

Posta un commento